BLOG

Come controllare la contabilità di un Punto Vendita al dettaglio

Il controllo della contabilità è uno dei principali punti deboli nella gestione dei Punti Vendita al dettaglio. Artigiani e Commercianti di solito demandano tutto al commercialista senza avere una precisa consapevolezza dell'andamento economico dell'azienda.

Anche se questo è un argomento troppo vasto per essere trattato in modo esaustivo in questo Blog per me è molto importante fissare alcuni principi che possono aiutare i nostri clienti a fare i passi giusti per arrivare al pieno controllo della contabilità dell'azienda.


UTILE DI ESERCIZIO


Prima di tutto voglio chiarire che l'Utile di Esercizio è l'obiettivo prioritario di tutto il nostro Piano di Marketing Strategico.


Nel Marketing Strategico, infatti, non è importante aumentare il fatturato o il numero dei clienti è assolutamente indispensabile ottenere un Utile Netto alla fine dell'anno.


RICAVI - COSTI = UTILE


Senza approfondire più di tanto diciamo soltanto che i Ricavi sono la somma di tutte le Entrate per la vendita di Prodotti e Servizi, i Costi le uscite per l'acquisto dei Prodotti, il Personale, l'Affitto, ecc..., l'Utile Netto è quello che rimane dopo avere pagato anche le Imposte e le Tasse.


Per capire come funziona l'azienda è necessario calcolare con precisione qual è la percentuale di Utile Netto rispetto ai Ricavi.

Basta questa piccola informazione per avere un quadro più chiaro che ci permetterà di approfondire ulteriormente tutto il resto.


GESTIONE DELL'IVA


La gestione dell'IVA è probabilmente l'aspetto fiscale più controverso che Artigiani e Commercianti devono affrontare nella contabilità dell'azienda.


Senza entrare in dettagli che potrebbero addirittura diventare di natura politica su questo argomento si deve affermare un principio fondamentale.


L'IVA NON È UN COSTO!


L'IVA è un'imposta che paga il Consumatore Finale inclusa nel Prezzo del Prodotto o del Servizio.

Capire questa differenza è fondamentale anche per la serenità mentale di Artigiani e Commercianti.


Io dico sempre che si deve fare finta che alla Cassa del Punto Vendita ci sia uno Sportello dell'Agenzia delle Entrate. La Cassiera, in realtà, fa due incassi: uno per il Prodotto/Servizio venduto e l'altro per l'IVA da versare allo Stato.


Per fare una battuta diciamo che lo Stato dovrebbe pagare per questo servizio d'incasso il 22% dello stipendio della Cassiera 🤣🤣🤣


DISPERSIONE DEI COSTI


Con dispersione dei Costi s'intende la differenza tra il giusto equilibrio dei Costi rispetto ai Ricavi e quello reale.


Faccio un esempio pratico.


Il Costo dell'Affitto del Punto Vendita dovrebbe incidere in media per non più del 10% dei Ricavi.

Questo significa che se paghiamo 1.000€ al mese di Affitto dobbiamo incassare almeno 10.000€ al mese di Ricavi.


Se incassiamo di meno c'è una dispersione di Costo con un conseguente aumento della percentuale di incidenza dell'Affitto rispetto ai Ricavi.


Analizzare con precisione la dispersione dei Costi è un fattore essenziale per il successo dell'azienda e per riuscire ad ottenere un Utile Netto alla fine dell'anno.


Bene!


Spero che questo primo Post di Amministrazione sia stato utile a farvi avere un'idea dei tanti argomenti che potremo approfondire con la Consulenza di Marketing Strategico.


Adesso lasciate un vostro Commento e se volete saperne di più non esitate a contattarmi.


Vi aspetto per una chiacchierata in Videoconferenza.


Angelo Utro

E-mail: angelo.utro@officenetwork.it

Telefono: +39 328 7867007